Nel Retro

– Gianfilippo?
– Si, Emma?
– Quella commessa mi ha toccato…
– Quale commessa?
– Quella di stamane, la misura, il vestito.
– Oh Emma, Emma… Non mi dirai …. a si, nella boutique. Quella magra, tirata, esagerata…
– Si Gianfilippo, proprio quella. La prima volta l’ho sentita ma non ci ho fatto caso. Poi di nuovo. Inginocchiata, senza motivo, figurati. Senza parere una carezza all’interno della mia coscia, mentre fermava l’orlo. Poi a gambe aperte solo per me, poi una mano sul seno. Ne sono sicura.
– Ma dai, ti sarà sembrato.
– Ti dico di no. Ci torno domani e voglio che tu ci sia.
E così l’indomani, fra battute e piccoli sfottò di Gianfilippo, nuovamente in Corso, nuovamente in boutique.

Lei è lì, abito verde scuro, più corto di quello di ieri, tacco alto, cavigliera di brillantini.
“Nuovamente lei?” rivolta ad Emma: Gianfilippo rimane colpito dalla sfrontatezza, non parla così una commessa.
“Possiamo rifarlo, andiamo dentro”, dice con decisione inaudita.
Poi accennando a Gianfilippo: “Viene anche lui?”
Emma è congestionata, tesa, senza parole: sente il clima creato dalla donna, non riesce a parlare: fa si con la testa come una scolaretta, e supplica con gli occhi Gianfilippo.
Gianfilippo le segue, entrano in tre sul retro.
– Spogliati, lo riproviamo.
Emma slaccia l’abitino, capisce che lo fa troppo in fretta, ma esegue; cerca di contenere il tremore.
La commessa continua implacabile: “Perchè ti sei messa questo intimo di lusso? Che sei venuta a fare? perchè hai portato tuo marito? Ti sembra questo il modo di misurare un vestito?”
Due passi e si avvicina a Gianfilippo, lo guarda un attimo, comprende tutto quello che passa nella testa dell’uomo.
Lenta e sfrontata comincia a baciarlo, tenendogli la nuca con una mano.
Baci scivolosi e lunghi, lingue lente, durezza montante.
Emma è lì, mezzo nuda, indifesa, mordida, vicino a quella stronza magra e secca, che manovra suo marito, che lo ha in pugno, che provoca fredda il suo ansimare.
E pensa: “Sono sola, senza nessuno che mi guardi, senza nessuno che mi tocchi, sola” Poi un moto furente: “Perchè penso queste cose? perchè non me ne vado?” Ma alza gli occhi grandi e supplicanti su quei due.
I quali smettono un secondo.
Anzi lei sola smette, ferma il gioco per conto suo.
Poi rivolta al maschio: “Tienila ferma, bloccale le mani, sì così”.
Gianfilippo incredibilmente, obbedisce, incredibilmente afferra i polsi di Emma; e mentre i due si guardano, esterefatti entrambi, senza capire perchè, perchè fanno e perchè lasciano fare, lui inchioda la moglie davanti a se, lei leggermente inchinata, il sederino voluttuoso appena spinto fuori.
La commessa si gode la scena, cammina lenta, si pone alle spalle di Emma, davanti al suo sedere.
Ha in mano un lungo calzastivali, una cosa che poteva ben essere lì, dove ci si spoglia, dove ci si cambia.
La prima staffilata arriva rapida, ed il segno rosso sulle natiche candide sembra il bacio di una bocca truccata.
Emma alza il viso, guarda Gianfilippo, e lo fissa; lui risponde allo sguardo, ed è insieme congestionato ed adorante: Emma prende la seconda staffilata, e comincia a far scorrere le lacrime, colma di sofferenza, gratitudine, amore.
Tenta di liberarsi, ma non forza, debole e morbida com’è.
I colpi continuano, la commessa esegue.
Sino alla pausa, sino alle carezze sul culetto segnato, sino alla lingua fresca sulle ferite, sino ai singulti di Emma, bloccata dalle mani del marito, esposta alle frustate ed alle carezze, oscena e goduta.

© alicerobertohot@gmail.com. Ottobre 2014.

Annunci

4 pensieri riguardo “Nel Retro”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...