Lampo Biondo e Nero

Stasera è peggio”, pensa Sonia spazzolandosi. Un lungo riflesso biondo nello specchio, uno sguardo nascosto al suo uomo.
Aggressivo, sbrigativo un po’ incazzato. Già le aveva fatto cambiare il vestito (“Non stiamo andando a messa!”), poi all’ultimo, ormai in macchina, l’aveva rimandata su, perché le calze erano troppo scure.
Ed ogni volta, anziché chiedere, ordinava.
Durante la strada per il privé lui guida concentrato, non una parola; poi dentro, mentre consegnavano i cappotti, solo un sibilante ”E vedi di non farmi incazzare stasera”.
Poi ancora zitto, sui divanetti del bar. Beve whisky e guarda le coppie, anzi le donne delle coppie che riempiono bar e salottini.
Sonia ogni tanto si liscia la gonna (“Effettivamente questo vestito è meglio”), le mani passano dal tessuto operato dell’abitino al diamante delle calze, magnifiche, deliziose. Gambe lunghe, perfette, scarpe da sogno, costosissime.
Si avvicina una coppia, troppo chiassosa, lei un po’ brilla.
Lui parla con lui, i due in piedi, di cose che non c’entrano niente con la serata, con il divertimento, con il club.
Intorno a loro la musica pompa al massimo, adesso. C’è una coppia, giovani carini, lei burrosa ed eccitante, che non si perde un ballo.
Lui parla, parla e guarda quei due.
Quando si spostano verso le stanze lui li segue con gli occhi, finisce rapidamente con l’amico e dice, continuando a guardare i due che spariscono dietro le tende, “Sonia, stanza buia”.
Sonia si alza, segue il suo lui che la precede di un passo, oltrepassa la tenda, piomba nel buio assoluto per qualche istante. Mentre gli occhi si abituano vede man mano emergere le sagome e le figure.
Qui si scopa duro, nessuno fa il timido.
I due giovani carini sono lì, impegnati con una coppia di Milano, due allegroni, eccitati e contenti per la fortuna della serata: i quattro ci danno dentro, eccome.
Sonia è in piedi, ferma. Il suo uomo, a fianco, non una parola, non un movimento.
Poi i due milanesi vanno via, ridanciani e soddisfatti; lei trascina il suo uomo per l’uccello ormai moscio, si spostano chiacchierando verso la scala.
L’uomo di Sonia, rapido, si avvicina ai due giovani, intraprendente e deciso.
Lui prende Lara, lascia ad Emilio la compagna.
Sonia è molto insicura, trema, ha paura.
Emilio le chiede cosa abbia. Lei inizia a confidarsi, a piangere.
Il buio è pesto. Ma Emilio può intuire, vedere Lara con quell’uomo, il movimento dei due, l’affondare dei corpi. Tutto intorno si scopa duro, quasi meccanico.
Emilio ode la cantilena di Sonia che racconta le sue pene. Ama quell’uomo, che la maltratta e, ormai lo ha capito, la tratta da carne di scambio nei privè.

Lei ha 46 anni, lui più giovane, lei ricca, lui solo strafottente e duro, lei incapace di opporsi.

Mentre la ascolta Emilio si commuove, le toglie il prezioso vestitino, le chiede particolari, le slaccia il reggiseno color perla, la consola, le sfila il tanga, se la stringe sul petto; Emilio è insieme sconvolto ed eccitato. Sono alti uguale lui e Sonia, si stringono stando in piedi, come se stessero ballando, lui nudo da prima, lei ancora con le calze e le scarpe.
L’abbraccio rilassa Sonia. Solo adesso percepisce la durezza dell’uomo che la cinge, sente insieme il calore dell’abbraccio e la prepotente spinta del cazzo sul suo ventre.
Con decisione e delicatezza Emilio la prende, la infila, comincia a spingere, la incalza, aumenta il ritmo.
Sotto di lui Sonia risponde piano, aiuta, prende il duro dentro di lei, spinge: e mentre abbraccia Emilio e lo accarezza mormora continuamente “Quel pezzo di merda…. Quel pezzo di merda…”.
Emilio ascolta stupito, ma non si può fermare, aumenta, la sbatte, continua, scopa, scopa.
Sonia cambia, fa sdraiare il giovane sulla schiena, gli prende con affetto il cazzo duro, scende su di lui, si impala, comincia lei a pompare, a fare sesso per se, a guidare la scopata: conduce lei l’eccitazione del compagno, la figa sembra una bocca, stringe, succhia, accarezza il sesso di Emilio il quale cerca di resistere ma sbroda come un ragazzino guardando le labbra di quella femmina magnifica che mormora nel godimento “Quel pezzo di merda…., quel pezzo di merda….”. Poi Sonia, quasi materna, si sfila, dà un’ultima carezza al cazzo del compagno, lo aiuta ad alzarsi.
Emilio, sbalordito, ancora sotto effetto, si ritrova quasi per caso ai bordi del lettone dove Lara continua a prendere l’eccitazione meccanica di quell’uomo.
Insieme guardano i due che scopano, sino all’arrivo, finalmente, fino al sospiro gutturale di lui.
Non si sa come, ma Sonia è già nuovamente rivestita: perfetta, ordinata, silenziosa.
Aiuta il suo uomo ad alzarsi, gli porge gli indumenti sparsi; l’uomo, mentre si riveste, ha un incredibile sorriso caldo. Prende la mano di Sonia, gliela bacia a lungo, la fa chinare per baciarla sulle labbra. Non guardano più nemmeno le altre persone, non badano al sesso ammucchiato intorno a loro. Si alzano, accarezzandosi le mani.
Improvvisamente Sonia si gira, accarezza gentile il petto nudo di Emilio, gli afferra il viso e gli da un bacio profondo, avvolgente, morbido, infinito. Poi lo lascia, si gira verso il suo uomo e dice: “Possiamo andare”.
Emilio, stordito, con addosso una insopportabile sensazione da adolescente svuotato, li vede uscire insieme dalla stanza buia, lui appiccicato alla sua compagna, lei con la testa dritta, a indicare la strada; appaiono un attimo nel vano della tenda scostata, lampo biondo e nero. Poi scompaiono.

©alicerobertohot@gmail.com novembre 2014

Annunci

3 pensieri riguardo “Lampo Biondo e Nero”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...