Maledetto campanello …

Alice sta succhiando lentamente e con gusto.
 Roberto è a pancia in su, le spalle un po’ sollevate, appoggiate ai cuscini. 
La testa del suo amore si muove piano, e lui sente l’uccello tirare ed indurirsi ancora di più ad ogni passaggio di labbra e lingua.
Languore del dopopranzo, desiderio, calma, carezza bagnata, cazzo duro e potente: il senso di paradiso lo pervade, la stanza sembra ripiegarsi intorno a loro, tutto vibra di calma potente che comincia a diventare eccitazione.
Drinn… Drinn….
Maledetto campanello, bastardo chiunque sia!


- Eccoli, devono essere arrivati, dice Alice come se niente fosse;
– Ma come, aspettavi qualcuno?
Roberto è sorpreso, infastidito dall’interruzione e dall’atteggiamento della moglie.
Alice indossa di fretta la vestaglia rossa, va in soggiorno, apre senza timore, abbraccia e bacia la donna che ha suonato alla porta.
Roberto, dalla stanza, sente i rumori e poi il chiacchiericcio fra signore.
Non sa che fare: restare a letto, interrotto e deluso oppure affacciarsi come un bambino curioso; non ha voglia di vestirsi, non ha voglia di parlare, vuole solo ricominciare il gioco interrotto. Il languore lo riprende, il caldo si attenua un poco.
Sposta un attimo la testa, incastra meglio le spalle e cede al sonno.
Dorme, sognando o forse no, è comunque pieno di sensazioni; nel sogno capita vicinissimo a due che fanno l’amore: vede un cazzetto molto piccolo, però durissimo: Roberto è affascinato dal movimento velocissimo, scopa, scopa nel culo di…non si capisce, i corpi svaniscono. Poi si ritrova in uno stanzone spoglio, affollato di corpi mischiati, ammucchiati; un cazzo veramente grandissimo, questa volta, è pronto a eiaculare; Roberto si sposta, si sposta, fino a quando lo schizzo esce enorme ma non colpisce lui, allaga due tette piccole, appena formate. Tutto confuso, tutto illogico. Da lì si trova ad inseguire una forma morbida, molto buona, ma che non si fa prendere, cambia continuamente; quando è davanti ad una pianura scintillante (no, forse è acqua, ma non è mare sconfinato, qualcosa di più rassicurante che si può attraversare, ci si può fermare in mezzo) e sta per riuscire a prenderla si sente chiamare.
La voce di Alice arriva da lontano.
– Roberto, Roberto…
– Ah, si?
– Roberto, c’è Angela;
– Ah certo, borbotta ancora Roberto, ancora in preda alle sensazioni del sogno; e poi:
– Che fate?
– Niente, è venuta a trovarci.
Roberto non può più restarsene a letto. Angela è la loro amica, la confidente di Alice e, quando capita, una loro compagna di giochi.
Roberto la fa grossa: esce nudo com’è, si avvicina ad Angela e la bacia in maniera casta sulle guance, due bacetti di benvenuto.
-Scusa, stavamo riposando, dice Roberto, facendo il serio.
Angela cerca di non ridere, è affabile e cortese, fa finta che Roberto non sia nudo con due ciabatte gialle, di quelle che si rubano negli alberghi.
– Vi ho interrotto?
– No, risponde Alice, io stavo leggendo, e Roberto guardava la TV.
– Insomma…., rimugina Roberto.
Alice si muove silenziosa passando dalla sala alla cucina.
Roberto capisce che la luce del sogno è in realtà la luminosità della casa, dorata dal tramonto; nell’abbagliante controluce Alice ed Angela si muovono come due api ronzanti, una bruna e l’altra bionda, una piccola l’altra morbida e carnosa. Spostano sedie, stendono un telo bellissimo sul divano, versano caffè in tazze che Roberto non ha mai visto prima.
Angela si ferma un attimo, si avvicina a Roberto ancora rimbambito dal sonno, gli poggia amichevole le mani sulle spalle, misura la distanza.
Nel tripudio di luce dorata la bionda sorridente gli sussurra: “Vieni, ti presentiamo Tonio”.

©alicerobertohot@gmail.com, giugno 2018.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...