Sala Apposita

Suoniamo alla porta del privè. Noi non andiamo nei privè italiani, non ci fidiamo. Ma qui siamo in una grande città europea, dove tutto sembra rilassato e normale.

Suoniamo una seconda volta, con la curiosità di scoprire in che locale siamo capitati, e se la nostra ricerca su internet ci ha fatto scegliere bene.

Aprono.

Entriamo.

Prima impressione: ma quanti anni hanno? al bar signore decisamente mature, in negligeè d’ordinanza. In giro coppie certo non giovani. Arredi vecchiotti.

Ma nessun singolo, proprio come piace a noi, ed un’aria rilassata e divertita da parte di tutti, che ci distende subito: “Come deve andare andrà”, ci diciamo, “Almeno il posto è gradevole”.

La matrona ci guida fra i tavoli. Sceglie per noi e ci colloca vicino ad altre due coppie: quindi, con noi, due tavolini e tre coppie. Loro più giovani di noi.

A guardar bene ci sono altre coppie giovani; non le avevamo viste, si confondevano bene nell’atmosfera matura del locale.

Sembrano nè eccessivamente cordiali nè scostanti, ma ci presentiamo (piacere, Alice. Piacere, Roberto) e le chiacchere cominciano senza disagio.

Banalità sui luoghi di provenienza (Mmmmm, sono spagnoli, bene!), “si noi Roma”, “Bellissima città”.

La più vispa è Maria, canottiera e slip rossi, gambe magre e muscolose. I maschi un po’ scialbi. L’altra dama (Teresa? si Teresa) bruna e silenziosa, sembra l’unica persona non cordiale, quasi scostante.

Con Alice ci guardiamo, cerchiamo di capire dove siamo capitati. I quattro sono accoppiati, ma come? Maria si appiccica a me, diventa man mano più esplicita. Sembra infischiarsene di tutti gli altri, compreso quello che sembra il suo compagno, e questo mi lascia un po’ perplesso.

Guardo Alice, che con gli occhi mi risponde divertita: noi non scopiamo separatamente, non ci interessa: ci piacciono i corpi tutti assieme, ci piace vedere l’eccitazione che cresce, ci piace goderci e scoparci, ci piace il gruppo che ci tocca e che tocchiamo assieme.  Io adoro vedere Alice ed un’altra donna che si fanno senza pudore, toccarla mentre la leccano, baciarla mentre gode.

Maria invece mi punta e vuole farmi. Alice ride e dice “Vado a fumare”.

C’è una stanzetta apposita, dietro il bar.

Maria, secondo me equivoca, lo prende per un via libera: io scherzo, e resisto divertendomi; mi godo la spudoratezza di Maria, faccio lo spiritoso e le tocco le tette, ma so che senza Alice non farò niente.

Con sorpresa vedo che Teresa e uno dei due maschi stanno scopando; si sono spostati su un divano a fianco: non un sospiro, ma movimenti lunghi e concentrati; ma guarda Teresa, quella gatta morta.

L’altro maschio come se non ci fosse nessuno. Alice tarda. Maria è allegra ed insistente e ridendo ridendo mi apre la camicia: svicolo, non ho nessun piacere a banalizzare la serata con una scopata senza Alice: dò un bacio a Maria, le spremo un attimo il culo (uhhhh, mica male) mi divincolo e dico “vado a cercarla”.

Io non fumo, sopporto a mala pena chi lo fa; Alice fuma abbastanza, ma riesce a non farmelo pesare; entro nella saletta fumatori: l’odore mi dà un po’ fastidio: guardo. Una signora simpatica e grassa in baby doll, una sua amica chiaccherona e … Alice! Un tuffo al cuore.

Fuma rilassata e beata: una testolina bruna, una ragazza molto giovane fra le sue gambe, la sua mano sulle mutande e sul pacco del ragazzo giovane al suo fianco.

Alice! La ragazza bruca assorta la figa della mia compagna, e lei che si gode il tutto con l’aria del fumatore esperto.

Uhhhh, ma dove erano questi due? Che ci fanno due ventenni in mezzo a questo vecchiume? Ed Alice…. mascalzona….

“Ti sei deciso ad arrivare, o eri troppo occupato con la carampana?” mi dice ironica.

“Io aspettavo te, lo sai benissimo.  Sei tu quella occupata, vedo”

“E che ci potevo fare, dice, se la ragazza qui è si appassionata di quello che ha trovato….. Ma ti aspettavo, lo sai, ti aspettavo”

Mi siedo, spostando un po’ il culone della fumatrice accanto a me, e mi stringo ad Alice. Lei ha una mano libera e con la decisione che adoro fa sgusciare il mio uccello duro dalle mutande: mano destra il mio cazzo, mano sinistra ancora sopra le mutande del ragazzo, le gambe leggermente aperte a godersi la leccata appassionata e gentile della nostra nuova giovane amica.

Arriva con un piccolo e silenzioso singulto, gode come è capace di fare. Sembra un segnale: ci alziamo in quattro, ed ogni coppia si riforma, ognuno bacia a distesa la sua donna.

Poi usciamo in quattro dalla sala fumo, attraversiamo il bar, puntiamo ai lettoni sotto: i nostri tavolini sono deserti: gli amici spagnoli non ci sono più. Scendiamo le scale; già negli ultimi gradini sentiamo i gemiti ed i rumori della sala e dei separè.

Intravedo forse Maria, accoppiata con qualcuno, ma noi passiamo oltre, troviamo uno spazio fra le tende, e ci godiamo il resto del tempo, appiccicati io ed Alice, mischiati ai due giovani amici, appassionati e felici, scovati misteriosamente nella sala fumo dove io non entro mai.

16035716963_f3b5db0c1a_z

Annunci

3 pensieri riguardo “Sala Apposita”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...